Parole di strada

parole di strada
Le parole di strada crescono come le erbe selvagge.
Disordinate e insolenti, fastidiose, sguaiate, irreverenti. Noiose, spesso, anche se talvolta inaspettate, commuovono.
Troppo pallone, troppa violenza, un po’ d’amore, tanta vernice, poca grammatica
Ci sono proclami e poesie, invettive e sarcasmo, buoni propositi e amore esagerato.

 

Le parole imbrattano i muri come l’erba selvaggia imbratta le aiuole. Come l’erba cattiva, che poi così cattiva non è mai.
parole di strada
Il sole secca l’erba, la pioggia dilava le parole. Tornano sempre, libere come gatti randagi, aggrappate alle pareti, esposte alle intemperie e agli sguardi.

Dovrebbe essere impossibile non vederle, non accorgersi di loro. Eppure, come i fiori di strada, sono ignorate e disprezzate. Ci si passa sopra.

Ma anche, come quei fiori spontanei che nella loro migliore stagione sono belli come quelli dei vivai, a volte le parole di strada sono doni al passante, indimenticabili.

Liberiamo i fiumi

amore

Scateniamo tempeste, ma ci piace il sole

Lascia un commento